facebook instagram pinterest search twitter youtube whatsapp linkedin thumbup
luca-gargiulo

La motivazione – Come diventare un atleta

Quante volte è capitato di aprire gli occhi al mattino svogliati, demotivati e senza energie? Quante volte è capitato di imporre a se stessi nuovi e ambiziosi “buoni propositi” per “il lunedì” successivo, la “prossima settimana”, il nuovo anno, il “post vacanze” o “post feste Natalizie”?

Iniziare a seguire un nuovo regime alimentare, intraprendere un percorso di formazione su un tema di proprio interesse, coltivare in maniera più assidua una propria passione, iniziare a praticare attività fisica puntare a più ambiziosi traguardi atletici

Ma quanta motivazione è necessaria per diventare un vero atleta? Ce lo racconta il nostro ambassador Luca Gargiulo.

Seguendo qualche semplice consiglio sicuramente sarà più facile puntare nella giusta direzione, mantenere la rotta e tenere alta la motivazione.

diventare atleta: definizione dei termini

La prima cosa importante da fare, è dare una definizione dei termini. In particolare, definire il tipo di atleta che vuoi diventare. Il mio consiglio è di scrivere da qualche parte questa definizione, con caratteri chiari e ben visibili, preferibilmente utilizzando il buon vecchio metodo carta e penna, e di tenerla in “bella vista”. Così da avere sempre chiaro il punto di arrivo, il proprio traguardo. E’ un po’ come impostare il navigatore per raggiungere una determinata meta.

definire obiettivi a breve, medio e lungo termine

Se devo affrontare un viaggio lungo e presumibilmente impegnativo, dovrò programmare delle soste, o ancor meglio le definirei delle vere e proprie tappe.

Per chi ha avuto a che fare con competizioni e sfide sportive legate al mondo dell’endurance (maratone, ultra maratone, ultratrail, ultrarunning, ultracycling, avventure di ogni genere), questo punto quasi sicuramente non sarà una novità.

Ragionare suddividendo la distanza totale in tante piccole tappe, da raggiungere e archiviare una per volta, risulta essere una delle più diffuse e migliori tattiche di approccio e gestione mentale per raggiungere il traguardo senza crisi eccessive.

Ogni tappa intermedia sarà una piccola grande soddisfazione che consentirà di ricaricare le energie e il serbatoio di motivazione, e darà l’impressione di aver concretamente messo alle spalle qualcosa alla quale non si dovrà più pensare, per poter concentrare tutte le energie sul raggiungimento della tappa successiva.

La sensazione sarà quella di aver fatto un reale passo in avanti, che farà apparire il traguardo finale sempre più vicino e raggiungibile.

obiettivi sfidanti ma “sostenibili”

Definire obiettivi ambizioni e sfidanti, ma allo stesso sostenibili. Gli obiettivi, ovvero gli step descritti nel punto precedente, dovranno sempre essere ambiziosi, per far sì che la motivazione e la determinazione restino alte, ma allo stesso tempo dovranno essere concreti e sostenibili, per non rischiare di demoralizzarsi eccessivamente.

Le sconfitte fanno parte del percorso di crescita al pari delle vittorie.

Sicuramente dei piccoli “fallimenti” sono da mettere in conto. Le sconfitte fanno parte del percorso di crescita al pari delle vittorie.

La strada è tortuosa, il percorso fatto di alti e bassi: ogni discesa è seguita da una salita ancora più lunga e ripida che, grazie all’esperienza maturata, potrà essere affrontata da unatleta più forte, in grado di superarla per raggiungere una quota sempre più alta di quella in partenza.

Delineare il percorso migliore per raggiungere il proprio traguardo

Una volta che la meta finale e le tappe intermedie saranno definite in maniera chiara, non ti resta che disegnare il percorso più diretto e per farlo è essenziale essere consapevole del proprio punto di partenza. Ci sono tante cose da valutare: livello di preparazione atletica, storia sportiva, condizioni di salute generali, idoneità alla pratica sportiva, anamnesi nutrizionale, analisi della composizione corporea, ecc… Da lì è possibile tracciare il proprio percorso fatto di allenamento strutturato e nutrizione corretta.

Per costruire un piano di allenamento ed un piano nutrizionale personalizzati, puoi affidarti ad un esperto, oppure puoi documentarti da solo, facendo però attenzione a selezionare le informazioni corrette e più funzionali al tuo scopo. Sicuramente se il tuo punto di partenza è già abbastanza avanzato, la via dell’autodidatta, percorsa con criterio, può essere la scelta giusta e facile da percorrere.

Se invece parti da un livello più basso e non hai maturato ancora sufficiente esperienza in fatto di allenamento e nutrizione, il consiglio è partire affidandoti a validi professionisti del settore che saranno in grado di guidarti verso i tuoi traguardi.

TECNLOGIA

Inoltre, per definire e seguire la tua preparazione in modo facile e strutturato, è importante essere supportato da adeguati strumenti tecnologici: gli sportwatch Polar sono dotati di tutte le funzioni più avanzate per guidarti ad ogni sessione e bilanciare in modo ottimale allenamento e recupero.

Con la piattaforma gratuita Polar Flow, puoi organizzare con facilità il tuo piano di allenamenti, anche stagionale, analizzare ogni sessione e condividere i tuoi percorsi e risultati. Il servizio Polar Flow for Coach permette inoltre al tuo allenatore di seguirti anche a distanza.

conclusioni

In conclusione, per raggiungere il proprio dream goal, il proprio obiettivo, il proprio sogno, sarà utile e importante seguire i consigli contenuti in questo articolo, ma sarà necessario soprattutto mettere in campo sè stessi e le proprie risorse. Sarà indispensabile essere fortemente motivati in partenza, e mantenere alta questa motivazione durante tutto il percorso, per quanto lungo e tortuoso possa essere.

Vivi appieno e goditi ogni singolo istante di questo percorso eccezionale!

I valori indispensabili che caratterizzano un vero atleta sono: passione, determinazione, dedizione, umiltà. E’ fondamentale saper accettare le sconfitte e rispettare i giusti tempi, senza fretta, mantenendo il focus e la motivazione sui propri obiettivi. Questi sono gli strumenti, la “cassetta degli attrezzi”, che ti consentirà di diventare un vero atleta.

Foto iniziale di Francesca Soli – Phototoday

Se ti è piaciuto questo post, condividilo!

Nota: le informazioni contenute negli artcoli del Polar Blog non sostituiscono i consigli di un professionista. Consulta il tuo allenatore prima di iniziare un nuovo programma di allenamento.

cecilia-zonta
Prossimo

Migliora la performance nello sport con la condivisione

Cos'è per te la condivisione nello sport? E’ uno “sweaty-selfie” sui social post workout? 💦 E’ uno sport di squadra? 👨‍👩‍👦‍👦 E’ un percorrere insieme lo stesso tragitto, magari su due ruote o di corsa? 🏃🏻‍♀️🚴‍♀️ E’ allenarsi col tuo miglior amico/a ? 🤸🏻‍♀️🏄🏻‍♀️

Leggi il prossimo

Non perderti gli articoli più interessanti. Iscriviti alla newsletter.